Gubanette

gubanette

Oggi postiamo la ricetta di un dolce tipico del nostro territorio: quella delle gubanette. Noi viviamo a Cividale del Friuli, centro di 11 mila anime situato al confine con la Slovenia. Nonostante le sue ridotte dimensioni, Cividale ha una grande storia alle spalle.

Fondata da Giulio Cesare, ha raggiunto il culmine della propria importanza durante il dominio longobardo, divenendo la prima capitale del loro ducato in Italia. Proprio grazie alle innumerevoli e importanti testimonianze artistiche, nel giugno di quest’anno Cividale del Friuli, insieme ad altre 6 località italiane, è entrata nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

 Staffetta in cucina
 
Staffetta in cucina

Il monumento simbolo della città è il tempietto longobardo, la più importante e meglio conservata testimonianza architettonica dell’epoca longobarda. Forse alcuni di voi hanno avuto l’occasione di vederlo sui libri di storia dell’arte! 

Dal punto di vista enogastronomico, i dolci tipici cividalesi sono 2: la gubana e gli strucchi. Dato che non abbiamo materialmente il tempo di preparare l’impasto tradizionale della gubana, oggi vi proponiamo una sua versione più rapida con un impasto tipo pan brioche. Questa è la versione mignon, ma se volete la ricetta originale andatevi a leggere il post sulla Gubana.

 gubanette

Gubanette

Piatto Dessert
Cucina Italian
Preparazione 30 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 46 minuti

Ingredienti

Per l’impasto

  • 80 g farina 00
  • 120 g farina manitoba
  • 14 g burro
  • 10 g lievito di birra
  • 14 g miele
  • 1 pizzico sale
  • 100 ml latte
  • 20 g zucchero

Per il ripieno

  • 80 g noci e nocciole
  • 15 g mandorle
  • 25 g pinoli
  • 20 g uvetta
  • 15 g arancia candita
  • 15 g amaretti
  • 15 g zucchero
  • 30 g marmellata di prugne
  • 1 cucchiaio olio di semi
  • 20 g miele
  • 1 uovo
  • 1 pizzico cannella
  • 1 bicchierino grappa
  • 1 bicchierino rum o brandy

Istruzioni

  1. Preparate il ripieno. Tritate tutta la frutta secca piuttosto finemente, sbriciolate gli amaretti, aggiungete l’uvetta in parte intera e in parte sminuzzata, e i canditi tagliati in piccoli pezzetti. Successivamente aggiungete zucchero e cannella, e infine tutte le componenti fluide: l’olio, l’uovo, il miele, la marmellata, e i liquori.
  2. Lasciate riposare coprendo l’impasto così rimane umido.
  3. A parte fate ammorbidire a temperatura ambiente il burro. Intiepidite il latte e scioglieteci il lievito di birra.
  4. Nella planetaria mettete le farine, il latte con il lievito sciolto, il miele, il burro a pezzi, lo zucchero, e per ultimo il sale (va sempre messo separatamente dal lievito). Impastate per una decina di minuti e poi lasciate lievitare per un’ora circa in luogo caldo.
  5. Stendete l’impasto e ricavatene delle strisce strette e lunghe per la preparazione delle gubanette. Ponete ciascuna delle strisce sulla carta da forno e stendetela il più sottilmente possibile, così da ottenere una striscia di grandezza 5 x 20 cm.
  6. Spalmate il ripieno (abbondante!), arrotolate la pasta in diagonale e sigillate bene i bordi. Il rotolino così ricavato va avvolto su se stesso partendo dal centro, a formare una chiocciola. Fate attenzione a mettere la parte terminale della pasta sotto la chiocciola, altrimenti si apre in cottura.
  7. Ponete le gubanette su una placca ricoperta di carta forno, spennellate con del latte e cospargete con zucchero semolato. Lasciate lievitare nuovamente per una mezz’ora in luogo caldo e poi cuocete in forno a 200° per 15-20 minuti.

10 Comments

  • Francesca ha detto:

    Che meraviglia questi dolci!!! Una farcitura golosissima che mi attira parecchio!! Belle anche le foto della vostra cittadina che è un pezzo di storia, di cultura e di arte del nostro paese. Non ci sono mai stata, mi piacerebbe visitarlo!!
    Un abbraccio e buon we!!
    Franci

  • staffettaincucina ha detto:

    E noi saremo qui, pronte ad accoglierti a braccia aperte Francesca! Buon weekend anche a te!

  • bellissimissime queste gubane, ma anche la vostra cittadina non scherza!! in bocca al lupo per i contest allora 😉
    ciao
    Valeria

  • oh mamma che meraviglia!!!!!!!!! che belle!

  • Cinzia ha detto:

    Grazieeee!!!!
    Sono troppo belle, vado subito ad aggiungere la vostra ricetta all'elenco e il vostro link al prossimo sorteggio…Siamo tantissimi 🙂
    Un abbraccio

  • simonaskitchen ha detto:

    GRAZIE di cuore per il bellissimo post! Sono molto molto orgogliosa dei contributi che sto ricevendo per il contest e mi sto quasi 'gasando', perchè non pensavo di riuscire a coinvolgervi così! Brave, complimenti per il post così dettagliato! Segnerò la vostra cittadina tra le possibili gite da fare nel 2012! Simo 🙂

    P.S.: ricordatevi di iscrivervi alla newsletter dell'editore, per poter ricevere il libro omaggio, ci serve l'indirizzo!

  • miracucina ha detto:

    Ma che delizia!!!!
    Non conoscevo la vostra cittadina, è splendida.

    Buon we carissime

  • zagara ha detto:

    Che ricetta goduriosa bravissima e grazie per le bellissime foto

  • Alessandra ha detto:

    Il Tempietto di Cividale l'ho sempre solo visto sui libri del liceo e dell'università…deve essere un luogo magico, per i secoli che ha visto passare e per le decorazioni ancora così ben conservate! Cividale è sicuramente da visitare, insieme a tutta la vostra affascinante regione!!
    Passo di qui anche per dirvi che ho organizzato un contest "Ricette a spasso nel tempo" dove bisogna abbinare un personaggio storico ad una ricetta!
    Mi farà veramente piacere se vorrete partecipare!! 🙂

  • cicalarauca ha detto:

    che bell'articolo, che città meravigliosa (che dolce da sballo) 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.